Santokyai - Aopoa-Olivegreen.png

Q&A: Aopoa San’tok.yāi

In seguito al lancio della San’tok.yāi prodotta da Aopoa, abbiamo passato le nostre domande ai designer della nave per fornirvi maggiori informazioni su questo nuovo caccia medio.

Un ringraziamento speciale va a John Crewe e Todd Papy per aver risposto alle nostre domande.


 

Cosa sarà in grado di fare la San’tok.yāi, che la Khartu-al non potrà fare e viceversa? Quali saranno i suoi punti di forza e le sue debolezze? Quali saranno le differenze principali tra queste due navi?

Nell’ordine di battaglia Xi’an, la Khartu-al funge principalmente da caccia leggero, scout ed unità base della flotta militare, mentre la San’tok.yāi costituisce un caccia medio da ingaggio diretto. Proprio come l’Esercito UEE, quello Xi’an utilizza svariate tipologie di caccia con vari punti di forza e capacità. Il paragone tra Khartu-al e San’tok.yāi è simile a quello tra Gladius ed Hornet – la prima è incentrata su velocità ed agilità, la seconda sulla potenza di fuoco. Nello specifico, grazie alla sua massa inferiore ed all’arsenale più leggero, la Khartu-al è più veloce, ha un’accelerazione maggiore ed è persino più reattiva della San’tok.yāi. Tuttavia, la San’tok.yāi dispone di una capacità offensiva ben superiore. Detto questo, la Khatu-al e la San’tok.yāi sono entrambe progetti Xi’an al 100%: ciò che li distingue da tutti gli altri caccia è l’eccezionale manovrabilità conferita dai loro peculiari sistemi di manovra.  Nelle mani di un pilota capace ed esperto nell’utilizzo di questi vascelli, la San’tok.yāi costituisce un bersaglio difficile da colpire. Questo vale ancora di più per la Khartu-al.

Santokyai - XIAN_medium_fighter_saltplanes_4k_AA01-Min.jpg

Si tratta di una vera nave militare Xi’an, o piuttosto di un modello civile da esportazione?

Come per la Khartu-al, la San’tok.yāi è la versione civile della nave militare Xi’an, progettata per l’esportazione e la vendita sul mercato Umano. E come la Khartu-al, la San’tok.yāi è un progetto originale prodotto dagli Xi’an ed esportato da Aopoa, non una semplice replica, ricostruzione o frutto di pratiche di retro-ingegnerizzazione.

 

Come si comporterà la nave, in quanto a manovrabilità?

In termini di manovrabilità, la San’tok.yāi è una delle migliori navi della sua classe e dimensioni – in questo caso, il metro di comparazione più adatto è costituito dagli altri caccia medi, come la Hornet o la Sabre. Il design dei velivoli Xi’an ruota tutt’attorno alla loro configurazione di spinta unica, basata su un sistema di propulsori altamente articolati. Rispetto alla configurazione standard delle navi umane, basata su propulsori principali fissi, in cui i movimenti di ondeggio, beccheggio e rollio vengono generati tramite piccoli propulsori di manovra, l’approccio Xi’an fornisce una maggiore capacità di strafe ed una più elevata accelerazione laterale. La possibilità di ruotare il motore principale su più assi fornisce anche altri vantaggi. Per esempio, molte navi hanno una ridotta capacità VTOL o sottopongono i loro propulsori di manovra a notevole stress durante le operazioni in VTOL. I caccia Xi’an, come la San’tok.yāi, invece non risentono di queste problematiche, in quanto per loro tali movimenti sono quasi indistinguibili dal volare dritti.

Santokyai - XIAN_medium_fighter_landed_1_4k_AA01-Min.jpg

C’è una possibilità che la tecnologia Xi’an responsabile di questo nuovo livello di manovrabilità in strafe venga applicata anche ad altre navi?

Teoricamente parlando, è possibile, ma con ogni probabilità rimarrà un’esclusiva dei design Xi’an. Sebbene la tecnologia dei propulsori Xi’an rivesta una parte importante nel fornire questa capacità di volo in strafe unica, il design complessivo dell’intera struttura della nave e la sua infrastruttura energetica sono parimenti importanti per la realizzazione dell’elevato livello di articolazioni e rinforzi di punto necessari per sfruttare appieno questa tecnologia. Non sarebbe possibile riadattarla in maniera efficiente o efficace ad altre navi che non siano state progettate da zero tenendo questi aspetti in debita considerazione. Inoltre, lo schema strutturale che ne consegue, con i propulsori principali situati all’esterno dello scafo della nave e le giunture delle articolazioni esposte, è meno resistente al fuoco nemico dei design umani contemporanei. Gli ingegneri Xi’an cercano comunque di rendere i loro caccia il più resistenti e durevoli possibile, senza compromettere le altre capacità del vascello, ma ciò richiede di prendere in considerazione tali requisiti fin dalle prime fasi progettuali. Tentare di riadattare il sistema dei propulsori Xi’an ad una nave che non è stata progettata fin dall’inizio per ospitarli porterebbe a risultati quantomeno instabili.

 

Questa nave è una vista comune nell’impero Xi’an?

In quanto caccia medio fondamentale dell’arsenale dell’Impero Xi’an, la San’tok.yāi è tanto comune nello spazio Xi’an, quanto lo sono una Hornet o una Saber in quello UEE. Viene impiegata principalmente nella flotta Xi’an e, di tanto in tanto, può anche trovare servizio nelle forze di sicurezza civili di alcune delle più potenti casate Xi’an.

Santokyai - XIAN_medium_fighter_cockpit_4k_AA01-Min.jpg

Ci sarà qualche arma Xi’an figa? Magari qualche missile Xi’an?

Il mitragliatore laser Yeng’tu S3 fornito di serie con la San’tok.yāi è prodotto dalla Torral Aggregate ed utilizza tecnologia Xi’an per raggiungere un rateo di fuoco più elevato dei tradizionali mitragliatori laser umani di pari dimensioni. Sebbene potente, il design che permette di ottenere questo incremento nella frequenza di fuoco comporta un limite termico massimo ridotto, il che si traduce in una maggiore probabilità di surriscaldamento.

 

Le navi Xi’an avranno un proprio stile di UI? (Al momento usano la UI VNCL)

Si: come molti avranno notato, attualmente usano una versione ricolorata della UI delle navi Vanduul, ma si tratta di una soluzione temporanea. In futuro, abbiamo in programma di fare in modo che la UI di tutti i produttori Alieni risulti differente.

 

Il computer di bordo della nave avrà dei toni più tipicamente Xi’an? Se si, potremo passare dall’Inglese allo Xi’an e viceversa?

Questa è senza dubbio un’idea interessante e, sebbene abbiamo in programma di registrare dei nuovi suoni per gli abitacoli delle navi aliene, al momento non abbiamo ancora pianificato di usare dei linguaggi più specificatamente alieni, in quanto si è dato per scontato che le versioni da esportazione di questi caccia avrebbero usato la lingua umana. Ma ora che ce lo avete fatto notare, cercheremo di verificare l’interesse per questa funzionalità.

Santokyai - Xian_med_fighter_dogfight_1_4k_AA01-Min.jpg

In termini di capacità di combattimento, come si comporta rispetto a navi come la Anvil Super Hornet e l’Aegis Sabre?

La San’tok.yāi appartiene alla stessa classe di peso di caccia medi come la  Super Hornet e la Sabre, per cui è stata progettata per essere un loro rivale diretto. Come riportato in una delle domande precedenti, il design della San’tok.yāi la rende meno resistente ai danni rispetto agli altri due velivoli, mentre il suo arsenale è più leggero di quello delle controparti, sebbene non di molto. Ovviamente, è il design dei propulsori Xi’an e la loro configurazione a renderla superiore agli altri due caccia in termini di accelerazione laterale e volo in strafe, mentre le armi di ispirazione Xi’an sono progettate per sfruttare al massimo le relativamente brevi finestre di vulnerabilità del bersaglio. Ogni caccia è capace di affrontare una varietà di scenari differenti, ma ciascuno di essi è particolarmente adatto a determinate tipologie di piloti: Ci aspettiamo che la Super Hornet sia la preferita dei piloti da mischia, abili nel mantenere una capacità di fuoco costante e minimizzare i danni, pressando continuamente l’avversario. L’agile, silenziosa Sabre potrebbe essere la preferita dei piloti che amano gli agguati e le tattiche mordi e fuggi, colpendo rapidamente per poi sparire nel nulla. Prevediamo che la San’tok.yāi potrebbe essere la preferita dei veterani dei combattimenti aerei e dei piloti più elusivi che amano gli ambienti affollati ed impegnativi, così da non rimanere scoperti per più di qualche secondo, prima di tuffarsi dietro un’altra copertura. Ovviamente, il risultato finale dipenderà in gran parte da come voi, i giocatori, deciderete di usare queste navi nella pratica. Siamo ansiosi di vedere cosa sarete in grado di fare con esse!

 

Quali amenità sarà possibile trovare a bordo di questa nave?

La San’tok.yāi è un caccia militare medio, per cui se da un lato fa della manovrabilità e della potenza di fuoco i suoi punti di forza, dall’altro non dispone di grandi comfort – al pari di qualsiasi altro caccia militare medio. Se siete alla ricerca di spazio merci, stive di carico o spazi abitabili, qui non ne troverete; ma come già ribadito in precedenza, se l’intenzione è quella di progettare una nave capace di competere direttamente con vascelli del tipo della Super Hornet e della Sabre, allora è meglio concentrarsi sugli aspetti bellici e pensare soltanto a quelli!

 

Articolo originale disponibile presso le Roberts Space Industries.