Esaminiamo insieme come il casato Kr.ē è salito al potere per governare sugli Xi’An due millenni e mezzo fa.


4 Luglio, 501 EC

È impossibile immaginare come possa essere stata la vita per gli Umani di 2500 Anni Standard Terrestri (Standard Earth Years – SEY) fa. L’Umanità era ancora vincolata al suo pianeta natale, e nonostante fossero diverse le società e le culture sparse sulla Terra, alcune di esse non erano neppure consapevoli della loro reciproca esistenza. Tentare di attraversare uno dei vasti oceani del pianeta era come firmare una condanna a morte, una morte che molti stranamente credevano sarebbe avvenuta per la caduta della barca appena passato il confine dell’orizzonte.

Nel frattempo, approssimativamente il 4 Luglio del 501 EC*, gli Xi’An entravano ufficialmente nella Terza Era Imperiale elevando U.e’o se Kr.ē alla posizione di Imperatore. L’incoronazione di U.e’o se Kr.ē fu un evento storico e motivo di grandi celebrazioni in tutto l’Impero Xi’An, che già poteva contare su numerosi pianeti e Sistemi. Nonostante negli ultimi due millenni i cambiamenti per l’umanità sono stati molti, il controllo del Casato Kr.ē è rimasto stoico e governa l’Impero Xi’An anche al giorno d’oggi – un risultato che al tempo pochi Xi’An avrebbero predetto.

La Terza Era Imperiale ha posto fine ad un periodo particolarmente tumultuoso della longeva storia Xi’An. La loro specie era stata in guerra contro i Kr’Thak per circa 800 AST, un conflitto che noi avremmo conosciuto come la Guerra degli Spiriti. A peggiorare le cose, il fatto che prima dell’incoronazione di U.e’o se Kr.ē gli Xi’An fossero rimasti senza Imperatore per circa 90 AST.

Questo periodo ebbe inizio durante la Guerra degli Spiriti, nel 412 EC, quando un piano eseguito alla perfezione dai Kr’Thak prese di mira l’Imperatore in carica Xy.ō ed il suo Casato. Pensato per essere messo in moto durante un’importante festa di famiglia in onore di Y.ah’a se Xy.ō, gran matriarca e primo Imperatore, il bombardamento orbitale dei Kr’Thak sulla tenuta Xy.ō si riversò con violenza sconvolgente, devastando il posto e lasciando solo un enorme cratere. Poi i Kr’Thak portarono decine di attacchi su tutto l’Impero, prendendo sistematicamente di mira tutti i luoghi in cui si trovasse qualche membro della famiglia Xy.ō. Quando la polvere si posò, innumerevoli Xi’An innocenti avevano perso la vita, ma il piano dei Kr’Thak aveva avuto successo. Tutta la stirpe degli Xy.ō era stata eliminata ed il loro regno lungo 1,735 AST finito. La Seconda Era Imperiale Xi’An era giunta ad una fine brutale e decisiva.

In seguito all’eradicazione del casato Xy.ō si scatenò il caos nella società Xi’An, che valse al periodo un titolo sinistro che si può tradurre grossolanamente come Il Buio. I membri della classe burocratica tentarono di mantenere il governo funzionante, ma senza un Imperatore e la famiglia reale che potessero imporre le regole il compito si rivelò arduo. Anche la strategia di guerra degli Xi’An soffrì della carenza di una guida, dal momento che il casato Imperiale controlla l’esercito direttamente tanto quanto il governo.

Invece di seguire una visione comune, i potenti casati Xi’An iniziarono a discutere tra loro e si formarono dei partiti politici. Alcuni dicevano che bisognava vendicarsi dei Kr’Thak, mentre altri sostenevano che era il momento per discutere della pace. Erano diversi i casati che agivano unilateralmente, alcuni tentando di intermediare, altri invece iniziando ad armarsi segretamente. Fu un simile conflitto tra casate a dimostrare, durante la Grande Divisione, la necessità che fosse solo una singola famiglia a governare e che formò la prima dinastia imperiale. Questa volta, a causa del caos generato dalla scomparsa del Casato Xy.ō, il disfacimento dell’Impero sembrava quasi realtà. Soprattutto per via del fatto che non si riusciva a trovare un nuovo Imperatore.

I dettagli per quel che riguarda il passaggio dei poteri da un casato ad un altro non è ancora ben noto a coloro che non fanno parte degli Xi’An. Quel poco che si sa è che parte del processo riguarda la ricerca di certi “marcatori” genetici portati solo dal nuovo Imperatore. Tutti gli Xi’An senza esclusione vengono messi alla prova per vedere chi potrebbe essere il portatore. Il processo è burocratico e con tempistiche lunghissime in tempi di pace, e perciò quasi impossibile durante una guerra la cui durata rasentava ormai il millennio.

Gli Xi’An controllarono tutti gli elementi che riuscirono ma senza successo. Dopo decenni di incertezze, alcuni filosofi Xi’An considerarono l’idea che il nuovo sovrano sarebbe apparso solo al termine della guerra contro i Kr’Thak. L’opinione pubblica si trovò d’accordo ed infine i burocrati militari riuscirono a negoziare una tregua.
Nonostante le specifiche di questo armistizio con i Kr’Thak non ci siano mai state rivelate, questo permise agli Xi’An di procedere con serenità alla ricerca del loro prossimo Imperatore. Vennero inviati emissari su ogni insediamento Xi’An, gli anni passavano eppure il nuovo sovrano non appariva. Alcuni iniziarono a pensare che gli Xi’An erano destinati a rimanere senza un governante.

Nel frattempo, i casati più potenti iniziarono a preoccuparsi del fatto che potessero perdere tutto se il nuovo Imperatore non fosse stato trovato. Tra i casati la distanza era sempre di più e la minaccia di una brutale guerra civile era ormai cosa certa. Pertanto, nonostante non ci siano prove concrete riguardo una cospirazione tra alcune potenti famiglie Xi’An, le voci di corridoio riguardo l’ascesa al potere del casato Kr.ē sono molto persistenti.

Ufficialmente la storia vuole che i marcatori Imperiali di U.e’o se Kr.ē siano stati controllati poco dopo la sua nascita e che sia stata incoronata Imperatore non molto più tardi. Alcuni Xi’An accolsero l’incoronazione di un’infante come un segno benedetto per l’inizio della Terza Era Imperiale. Credevano significasse che agli Xi’An era stata data l’opportunità di iniziare una nuova esistenza dopo essere riusciti a sopravvivere a malapena alla loro prima guerra interspecie.

Altri notarono invece che la nascita del nuovo Imperatore in una famiglia potente sembrava un po’ troppo vantaggioso.

Fu in seguito a queste circostanze che il 4 Luglio 501 EC, la neonata di nome U.e’o se Kr.ē venne proclamata nuovo Imperatore Xi’An. La matriarca di famiglia IIth se Kr.ē ottenne potere provvisorio, fino a che U.e’o non avesse raggiunto l’età adatta per governare. Cresciuta per essere una sovrana, U.e’o se Kr.ē ascese al trono con fiducia e tranquillità ed istituì immediatamente una serie di cambiamenti radicali. Rinforzò gli insediamenti e le fortificazioni militari nei Sistemi a contatto diretto con i Kr’Thak. Proibì l’accesso ai punti di salto verso e da quei Sistemi, sperando che la tregua sarebbe durata più a lungo mantenendo i contatti con loro al minimo. Alcuni credono che le dietrofront rispetto allo spazio Kr’Thak sia ciò che ha costretto l’Impero Xi’An ad espandersi nella direzione opposta, cosa che li avrebbe portati ad incrociare la propria strada con quella dell’Umanità.

2,500 AST dopo, la famiglia Kr.ē governa ancora l’Impero Xi’An. Tuttavia, l’attuale Imperatore Kr.ē non ha eredi legittimi, perciò il dominio della sua famiglia è destinato a finire con lui.

Sono ancora molte le incertezze per quanto accadrà una volta che il regno del casato Kr.ē giungerà alla fine. L’Umanità non dispone delle informazioni sufficienti per capire cosa succederà e quanto tempo durerà. Inoltre non è chiaro come la cosa influenzerà sulle nostre relazioni diplomatiche, gli accordi commerciali e gli altri contatti con l’Impero Xi’An. Per ora, tutto quello che possiamo fare è riflettere su ciò che sappiamo riguardo il loro ultimo passaggio dei poteri. È successo quest’oggi nella storia – il 4 Luglio 501 EC.

* Era Comune – Per comodità del lettore, tutte le date Xi’An sono state convertite in Anni Standard Terrestri.

Traduzione a cura di Alex Miura.
Articolo originale disponibile presso Roberts Space Industries.