Seconda ed ultima Q&A riguardante la Reliant, l’ultima nave starter della MISC, creata utilizzando tecnologia Xi’An e dotata della capacità di passare dall’orientazione orizzontale a quella verticale.



“Abbiamo effettuato un test di volo con il Modello 0 da poco annunciato, e quello che abbiamo scoperto è stata un’autentica sorpresa! Dietro le linee agili e l’abitacolo mobile altamente tecnologico, la Reliant si è rivelata essere una nave robusta ed affidabile, capace di svolgere ogni genere di operazioni di volo. Siamo così sicuri di quello che abbiamo visto, che abbiamo intenzione di dare alla nave il nostro prestigioso riconoscimento ‘Da Tenere sott’Occhio’ in quanto una delle migliori astronavi tra i modelli previsti per il prossimo anno… Adesso incrociamo le dita e speriamo che la MISC inizi presto a consegnare il modello di produzione, così che potremo convertirne uno per le gare da corsa!”

– “Un Trasporto su Cui Potete Fare Affidamento”, Astronavi e Piloti, Settembre 2945.

“Abbiamo avuto seri problemi ad integrare alcune delle tecnologie Xi’An. Non posso dirvi esattamente che cosa abbiamo comprato, ma per darvi un’idea abbiamo chiesto ad uno dei nostri contatti su Rihlah di procurarci uno dei loro smorzatori di sovratensione… E quello che abbiamo ricevuto sembrava un appiccicoso stomaco di silicone. Non siamo neppure stati in grado di capire dove andasse montato sul Khartu che utilizzavamo come riferimento per lavorare! Infatti, i ragazzi del reparto di R&D stanno ancora cercando di capirlo. Questo è sufficiente per farvi capire che la Reliant dispone di alcuni soluzioni tecnologiche piuttosto fighe… Ma di un modello tradizionale di capacitore.”

– Dar Hardwishe, Designer di Navi MISC, Livello Junior

Salute Cittadini,

Lo scorso mese, durante la vendita preliminare della serie Hull abbiamo pubblicato una serie di articoli di Q&A. La prova è riuscita talmente bene che abbiamo deciso di trasformarla in un’abitudine. Tutte le future vendite preliminari includeranno almeno un articolo di Q&A ‘post uscita’. Questa settimana, in occasione della vendita preliminare della MISC Reliant, risponderemo alle domande poste dai backer in questa discussione. Un ringraziamento speciale va al designer Matt Sherman per aver risposto alle vostre domande sulla Reliant!

Domande & Risposte

Cosa ci potete dire sulla velocità? Due TR1 come propulsori principali… La velocità dell’Arurora è di 150 m/s con un TR3, mentre la Mustang Alpha va a 200 m/s con due TR2.

Secondo i nostri programmi, la sua velocità sarà intermedia tra quella di queste navi, e ricordate che l’Aurora dispone di un solo propulsore, mentre la Reliant ne ha due.

Perchè i due cannoni S1 sono indicati come fissi, quando dalle immagini risulta che siano montati su una torretta giroscopica situata all’estremità di un’ala?

Volevamo mostrare quando fosse ampio l’angolo di copertura offerto dalla torretta montata all’estremità dell’alla. Quando la Reliant arriverà nel vostro hangar, disporrà di un raggio Traente posizionato sulla torretta, con due cannoni S1 montati sotto le ali. Inoltre, abbiamo in programma di realizzare una torretta con punti di aggancio gemellari che sarà disponibile attraverso il sistema dei REC / VD per quando la Reliant sarà pronta al volo.

Di preciso, come si pone la variante da “ricerca” rispetto alle altre navi destinate all’utilizzo scientifico? Qual’è la tipologia di missioni per cui risulterà adatta questa variante?

Lavori di scansione / ricerca intra-sistema. Purtroppo, attualmente non ci sono molti dettagli a riguardo perché stiamo ancora realizzando questi sistemi di gameplay, ma volevamo assicurarci che ci fosse un altro livello di attività esplorative / di ricerca anche tra le navi iniziali, qualcosa che non fosse semplicemente basato sulla scoperta di nuovi jump point.

Non capisco il concetto di “nave iniziale di secondo livello”. E’ una nave iniziale destinata a coloro non stanno davvero iniziando a giocare? O è una nave iniziale con cui potranno giocare, previo pagamento di un extra, coloro che compreranno il gioco dopo il suo lancio?

Stiamo ancora lavorando ai nostri piani successivi al lancio del gioco, ma l’idea attuale è che la Reliant (assieme alle altre navi di secondo livello aventi un prezzo simile) faccia parte di una serie di pacchetti di gioco leggermente più costosi. Tuttavia, è al 100% una nave progettata per essere utilizzata ad inizio gioco! Come l’Aurora e la Mustang, la Reliant è stata progettata per permettere ai giocatori di sperimentare, all’interno del mondo di Star Citizen, il più elevato numero possibile di esperienze di gioco.

La presenza della modalità di volo verticale implica che i propulsori principali saranno montati su attacchi giroscopici per permettere una maggiore manovrabilità?

Non sono attacchi giroscopici in grado di ruotare di 360° come i motori della Cutlass, ma avranno una certa capacità di movimento. Inoltre, abbiamo in programma di sviluppare altre tecnologie Xi’An, di cui parleremo più diffusamente man mano che ci avvicineremo al completamento della nave.

Come hanno fatto gli umani ad ottenere queste tecnologie, se ancora non hanno avuto il primo contatto con gli Xi’An?

La MISC ha ottenuto le tecnologie grazie ad una serie di scambi economici con gli Xi’An, per cui questa nave è qualcosa che va ben oltre il primo contatto tra due specie (Al momento del lancio di Star Citizen, l’Umanità avrà già una storia con gli Xi’An. Sono ancora una specie per certi versi misteriosa, ma ci sono già stati diversi contatti con loro).

La torretta che vediamo negli schizzi preliminari è un componente opzionale dell’equipaggiamento (Reverse the Verse): avete in programma di approntarla per quando inserirete la Reliant nell’hangar / la renderete pronta al volo?

Si, sebbene non sarà compresa di serie nella Reliant, abbiamo in programma di rendere disponibile, per quando la nave sarà pronta al volo, sia la versione standard S2 (con installato il Raggio Traente) che la versione con due punti di aggancio gemellari S1.

Qual’è il ruolo previsto per la variante “Furgoncino Informazioni”? Potrà essere utilizzata per compiti di ricognizione allo scopo di fornire aggiornamenti in tempo reale?

Si, ricognizione e comunicazione di informazioni. Il suo scopo consiste nel dare la possibilità di ottenere ottime immagine, rimanendo ad una distanza di sicurezza, alle squadre che stiano effettuando delle riprese. Non sarà efficace e potente come la Herald, ma sarà sicuramente in grado di diffondere le informazioni ottenute.

Il “modello base preliminare” sarà in grado di cambiare o caricare moduli differenti così da modificare anche la tipologia di missioni che potrà svolgere?

Avrà una certa flessibilità per quanto riguarda l’equipaggiamento, ma persino rimanendo nell’ambito di una singola variante, ci saranno dei limiti alle configurazioni che si potranno impostare. Il modello base e la variante da combattimento sarà più intercambiabili tra loro, e la stessa cosa varrà per la variante da ricerca e quella ‘Furgoncino Informazioni’. Tuttavia, non si tratterà semplicemente di installare componenti diversi sullo stesso scafo.

E’ in programma, in una delle varianti, di eliminare il secondo sedile, spostare quello rimanente al centro dell’abitacolo ed utilizzare lo spazio libero per inserire qualcosa di utile?

Attualmente non ci sono piani che prevedono la realizzazione di una versione monoposto della Reliant.

Dal momento che la Reliant è un “mini-trasporto”, i propulsori principali saranno in grado di muoverla anche quando sarà completamente carica?

Attualmente è previsto che i propulsori siano totalmente in grado di muovere la nave quando carica. Non dimenticate che la Reliant utilizza tecnologia Xi’An, ed abbiamo ancora in serbo per voi alcune sorprese a riguardo, elementi che vi mostreremo quando saremo prossimi al completamento della nave.

Quanto potrebbe una Reliant essere utile a qualcuno che dispone di una flotta di grandi navi (Cutlass, Connie, ecc.)?

Dipende dal tipo dei ruoli che avete in mente per le altre navi di cui disponete. Avete una Carrack da esplorazione? Il modello da ricerca della Reliant sarà un ottimo complemento grazie alla sua elevata manovrabilità ed agli scanner di cui dispone. Avete intenzione di raccontare qualche assurda storia spaziale con i vostri amici? Portatevi dietro la variante “Furgoncino Informazioni” per registrare gli avvenimenti proprio mentre accadono.

Potete chiarire quali siano le dimensioni massime ed il numero degli attacchi che il punto di aggancio giroscopico sarà in grado di ospitare?

La torretta situata all’estremità dell’ala della Reliant è un punto di aggancio S3. Questo vuol dire che può:
[*]Ospitare una singola arma fissa S3
[*]Ospitare la torretta S2 di serie – Viene fornita con installato il Raggio Traente, ma è in grado di alloggiare qualsiasi arma S2.
[*]Ospitare la torretta gemellare S1 opzionale – Abbiamo mostrato questa torretta negli schizzi artistici, e sarà anche disponibile mediante REC o il VD quando la Reliant sarà pronta per volare.

In una delle immagini si vede una silhouette che suggerisce che le ali della Reliant possano ripiegarsi in avanti quando la nave si trova a terra, forse per risparmiare spazio. Questo elemento fa davvero parte del design? Se si, la Reliant sarà in grado di atterrare mantenendo la stessa superficie di sezione trasversale di un’Aurora o di una Mustang?

Le ali pieghevoli sono state progettate per quando la nave viene caricata su un trasporto a lunga percorrenza. Occuperà uno spazio simile a quello di un’Aurora o di una Mustang, ma richiederà del tempo in più perché sia pronta a volare rispetto a quando le ali sono già dispiegate.


Riassunto Tecnico


Traduzione a cura di Darnos.
Articolo originale disponibile presso le Roberts Space Industries.