La prima lettera del Presidente che raggruppa ben tre traguardi contemporaneamente, la prima che descrive le meccaniche multicrew e delle navi modulari e, purtroppo, l’ultima con i traguardi per come li abbiamo fin qui conosciuti.

Una Lettera rivoluzionaria, che per molti aspetti conclude un’era per aprirne un’altra!


Salve Cittadini

,


è stata una settimana piena per il team di Star Citizen! Una buona parte dei capi progetto si è spostata a Manchester, Inghilterra, dove ci siamo concentrati su tutti i problemi collegati ai personaggi, le animazioni, le cinematic e Squadon 42. L’obiettivo di questo summit è stato sincronizzare il resto degli studi con il team davvero talentuoso alla Foundry 42 per una maggiore spinta nel far uscire il primo capitolo di Squadron 42 verso la metà del prossimo anno. E’ stata una settimana fantastica, piena di dibattiti appassionati e di pura creratività che sono orgoglioso di dire che guida il progetto… ma mentre lavoravamo a testa bassa per far sì che Squadron 42 prendesse vita nella più ampia visione di Star Citizen, pare che un paio di traguardi possano essere stati superati!

Tra gli ultimi giorni delle anniversary sale e la corsa alla piattaforma esplorativa Carrack, prendiamo atto di aver superato i 66 milioni in crowdfundin! E’ un numero tramortente che sia i vecchi sostenitori che i nuovi hanno reso possibile: mentre i sostenitori esistenti hanno donato per la Carrack, abbiamo anche avuto ulteriori 7400 nuovi sostenutori che hanno deciso di scoprire cosa vi sia di così particolare in SC. Grazie a tutti e benvenuti ai nuovi giocatori; siamo felici di avervi a bordo in questa avventura!

A 64 milioni, i pet sono al via!


[*]

Pet: Abbiamo i robot riparatori, abbiamo i pesci… ma non abbiamo implementato un sistema tradizionale per i pet in Star Citizen. Ai 64 milioni, questo cambierà! Da Jones il Gatto in Alien al Daggit di Battlestar Galactica, i pet hanno [sempre] un posto a bordo delle navi… e vogliamo davri questa possibilità in Star Citizen. Aspettatevi opzioni terrestri tradizionali più esotiche soluzioni che sogneremo nell’universo di Star Citizen! (Quei granchi Torshu Grey che tentano la fuga sono solo l’inizio). Questo traguardo è in onore di Paddington, lo Strike Dog della UEES Paul Steed. Ecco il nostro primo video in cui Paddington ci ha aiutato a recuperare i 4 milioni di dollari nella campagna iniziale. Paddington tristemente se ne è andato di recente.



L’ultima lettera abbiamo raggiunto i 65 milioni [e vi ho anticipato] un revamp del nostro sistema modulare ricavato direttamente dai feedback dei giocatori. Allo stato attuale di Star Citizen, le navi sono estremamente personalizzabili. Potete cambiarne i generatori, propulsori, cannoni, missili, torrette, set di sensori, scanner, piattaforme di carico e alcune parti interne (e molto altro). Con la 1.0, abbiamo aggiunto una prima interazione della tecnologia per un sistema di colorazione che ci permetterà di creare le promesse skin e, in definitiva, portarvi ad alterare l’apparenza esteriore della vostra nave. Per la AC 1.0 sarà utilizzato questo sistema per gestire le varie paintjob (verniciature) per le varianti. Ma più avanti questo ci permetterà di dare a ciascuno la skin che avranno sostenuto e, alla fine, permetterà agli utenti di produrre proprie paintjob!

Una buona parte dei feedback dalle vendite della Constellation e della Cutlass p stato che i sostenitori vogliono di più: vogliono personalizzare il ruolo e gli interni delle loro navi con maggior grado di libertà di quanto inzialmente previsto. Sulla base di questi feedback, intendiamo permettere cambiamenti alle navi che abbiano un senso per meglio rappresentare cosa volete. Il team alla Foundry 42 sta già costruendo un numero di navi madre modulari, come la Javelin, che potranno cambiare i propri interni ed esterni in base a numerosi fattori attraverso una gamma di moduli opzionali configurabili dagli utenti. Quello che intendiamo adesso fare è prendere questo lavoro svolto per la progettazione di questa tecnologia fatta per le navi madre ed applicarla ad un certo numero di navi più piccole di Star Citizen.


[*]

Modularità della Navi potenziata: Così avrete la nave dei vostri sogni, ma sul serio vorrete che possa essere personalizzata per incarnare i vostri bisogni un po’ più dei modelli usciti di fabbrica? Questo nuovo traguardo, un impegno enorme, sarà di vostro interesse. Stiamo cercando di rivedere ogni nave potenziale (incluso la Cutlass, Avenger, Retaliator e Redeemer) per permettere che molti componenti modulari possano essere disponibili per essere interscambiati. Per esempio: se avete una Redeemer, usando questo nuovo sistema potrete avere una varietà di nuovi modelli disponibilicon cui riassemblare la nave, sia internamente che esternamente, per farle rivestire ciò che le richiedete in gioco. Se volete renderla una nave da cacciatori di taglie, potrete compare un “Modulo Sala di Stasi” per il ponte inferiore e potrete catturare e “immagazzinare” i fuggitivi per consegnarli al loro cacciatore per la ricompensa. Potrete configurare il ponte superiore affinchè sia dotato di una “suite di comunicazione a lungo raggio” permettendovi di restare in contatto con i vostri “Agenti informativi” anche nello spazio profondo. Stanco del cacciatore di taglie? Passa ad un modulo più grande per il trasporto di merci nel ponte inferiore per rendere fruttuosi i viaggi che hai pianificato per un po’ o aggiungi un modulo esplorativo con veicolo dislocabile per ricognizioni sui pianeti. Le corporazioni continueranno ad offrire varianti pre-configurate, ma potrete ragionare sull’addattare gli scafi in modo che la vostra nave possa ricoprire un determinato ruolo (e ora pronti per le modifiche!)




Certamente, 65 milioninon è la sola milestone di cui dobbiamo parlare in questa lettera. Iniziando con i 66 milioni, voglio cominciare a concertare l’attenzione di tutti sul livello di dettaglio e coinvolgimento che il supporto di ciascuno ci ha permesso di raggiungere. Così invece di avere semopre una caratteristica o un premio, voglio condividere visioni più approfondite in un elemento della progettazione che è stato svloccato grazie al vostro continuo supporto.

Questa volta abbiamo intenzione di parlarvi delle azioni che saranno possibili dalle postazioni delle navi multigiocatore. Con l’uscita della Carrack, si è molto discusso su come le navi potranno volare in solitario, se avranno bisogno o meno di un equipaggio… e ci sono state molte domande su come ciascuna di queste potrà funzionare. Potrete leggedere di seguito e trovare le risposte a quelle domande e molto di più (questo aggiornamento sulla progettazione è messo insieme con il team qui in UK, in quanto sono coloro che stanno attualmente guardando avanti alle caratteristiche multigiocatore per Arena Commander 2.0).

Questo non significa che non ci saranno più occasionalmente dei premi per i sostenitori con contenuti in-game (oggetti per l’hangar, UEC, aggiornamenti navi e molte tipologie ancora verranno!) o che non proporremo nuovi tipi di nave per celebrare una milestone maggiore, ma che vorrei concentrare l’attenzione più sull’incredibile gioco che state permettendo di reliazzare rispetto a quanti fondi abbiamo raccolto. La verità è che con una community e un team che condivide tanta passione per realizzare qualcosa di speciale, con tutto il vostro supporto abbiamo una opportunità di fare la storia.

Come sempre, grazie per far sì che tutto questo sia possibile. E’ un onore essere a capo dello sviluppo di un gioco che già signigica così tanto per un così incredibile gruppo di sostenitori. Avete guadagnato la vostra cittadinanza! Infine: vi prego di farci sapere le vostre impressioni su come secondo voi funzionerà questo nuovo sistema. Noi ascolteremo!

– Chris Roberts

Traduzione a cura di Sceiren, RDE
Parte dell’articolo disponibile su RobertsSpaceIndustries.