La Terra: culla dell’umanità, cuore dell’Impero, luogo di nascita del genere umano… e un posto difficile dove sbarcare il lunario. Non è un segreto che la Terra sia ben ancorata alle sue abitudini.
In poche parole, la Terra è la capitale dell’Impero Unito della Terra (UEE) al quale da il nome, è sede del potere che governa tutto, dai Sistemi emergenti come Terra  fino ai distanti mondi-colonia di relativa importanza. Sede dell’Imperatore e del Senato, la Terra fa da guida per tutto ciò che accade nell’Impero, influenzando i modelli economici e le relazioni diplomatiche.
Benché altri Sistemi strategicamente meglio posizionati, come Terra abbiano cominciato ad avanzare richieste per un maggiore riconoscimento nell’Impero, la Terra è ancora considerata il centro dell’Umanità.

Invece, la Terra ha bisogno di tutto. La crescita della popolazione avvenuta in migliaia d’anni ed un lungo periodo di sovrappopolazione nel 21° secolo hanno portato allo sfruttamento totale delle risorse naturali del pianeta. Il mondo ora importa trilioni e trilioni di tonnellate di cibo, metalli grezzi e beni industriali per sostenere la popolazione. Nonostante la domanda sia sempre alta, lo è anche la competizione per accaparrarsi i trasportatori che, per com’è la situazione, con una consegna alla Vecchia Terra riescono a malapena a guadagnarci qualcosa… prima di venire a sapere gli esorbitanti costi di atterraggio e rifornimento.

Il lato positivo è che la possibilità che il carico arrivi al pianeta sano e salvo è relativamente alta grazie al bassissimo ratio di criminalità del Sistema Sol. L’esercito UEE, l’Advocacy e le varie forze di polizia pattuglia incessantemente il Sistema e i cantieri orbitali della Marina ospitano non meno di cinque portaerei Bengal ed almeno una sempre in bacino di carenaggio.

New York
________________________________________
New York è la capitale culturale della UEE, arbitro intergalattico del gusto e celebrata per la sua architettura che mescola edifici tradizionali e costruzioni avveniristiche. La maggior parte dei visitatori nota immediatamente i luoghi storici protetti come l’Empire State Building, il Gryphon e Central Park coesistere in un panorama moderno di megagrattacieli.

I newyorkesi – anche quelli che non hanno mai lasciato il pianeta – si sono guadagnati la reputazione di cosmopoliti della galassia. Pertanto, c’è un mercato attivo di gingilli culturali provenienti da stelle lontane. Gallerie newyorkesi alla moda mettono allegramente in mostra di tutto, dai Codex Tevarin della Rijora alle bobine danneggiate di un motore Xi’an… un vivido esempio di come la spazzatura di uno è il tesoro d’un altro. Se siete alla ricerca di un aggiornamento particolarmente raro o di qualche oggetto introvabile, il distretto commerciale che circonda lo spazioporto di New York è il luogo adatto a voi.

New York è anche sede del quartiere generale della rinomata Roberts Space Industries, comprendente un museo e un salone d’esposizione. Molti visitatori vogliono rendere omaggio alla RSI per celebrare il suo ruolo nell’iniziazione dell’umanità alle stelle.

Mosca
________________________________________
Mosca è una città meno frivola e con un carattere più da classe lavoratrice di New York. Mosca è un centro di distribuzione principale per manufatti, in particolare motori per il salto interspaziale e propulsori, prodotti nei complessi industriali che si stendono attraverso gli Urali. I manufatti sono trasportati in città da un sistema di treni ad alta velocità, per poi essere spediti ovunque nella galassia. Chiunque, se a corto di crediti, può sempre trovare lavoro nei cantieri dello spazioporto moscovita, che consta per l’ampia maggioranza dell’export terrestre. Malgrado ciò, la città tende ad avere un gusto per l’opulenza e i beni di lusso si vendono bene come molte altre cose sulla Vecchia Terra.

Shanghai
________________________________________
Shanghai, il più grande spazioporto dell’Asia, ha saputo mantenere un equilibrio con l’ambiente circostante, più delle vaste aree urbane di Mosca o di New York. Shanghai vanta linee ferroviarie e di transito che la collegano al vicino Mare Cinese Orientale, dove si trova un porto marittimo in grado d’accogliere anche grossi veicoli spaziali. L’industria Aegis China produce le corvette di classe Idris e le testa pre-volo in loco.

 

Articolo originale presso Roberts Space Industries.