Il Sistema Kilian
Per le reclute che vi si radunano per imparare l’arte della guerra moderna, Killian è il simbolo scintillante della potenza militare dell’UEE. Localizzato nel cuore dell’Impero, Kilian è la sede di centinaia di caserme militari, strutture d’addestramento, cantieri navali e strutture di supporto. L’economia di Kilian è completamente basata sulla massiccia presenza militare, con produttori d’armi e progettisti di navi che affollano il Sistema per offrire i loro prodotti. Tra il cantiere alla Stazione Navale MacArthur ed il quartier generale della marina su Corin, Kilian sembrerebbe essere il posto più sicuro della galassia… se siete dalla parte giusta della legge.

Kilian è una stella gialla di sequenza principale classe-G attorno alla quale orbitano quattordici pianeti. La scoperta di Kilian nel 2463 è stata una delle prime durante l’espansione dell’uomo nell’universo. La terraformazione dei pianeti nella zona verde è iniziata molto presto, così come il presidio delle forze militari in questo tratto di spazio. Nonostante non vi fosse un piano specifico per dedicare il Sistema ad uso militare, si è evoluto naturalmente in quella direzione sin dai suoi primi giorni di esplorazione; mentre venivano alla luce sempre più Sistemi ed il potere si spostava attraverso le regioni di spazio nei dintorni di Terra, Killian si trovò in una posizione centrale, ideale per un’implementazione efficace della sicurezza. Nel 2631, l’UEE trasferì le sue principali attività di costruzione navale da Magnus a Kilian, ed è così da allora. Soltanto l’esercito UEE continua a mantenere il suo quartier generale ufficiale sulla Vecchia Terra; i comandanti della Marina e dei Marine attualmente dirigono le loro truppe e mobilitano le loro navi dal Sistema Kilian. Come sviluppo collaterale, Kilian ha generato una numerosa popolazione di civili ed è pienamente rappresentato al Senato UEE.

Le Tre Sorelle
________________________________________
I primi tre pianeti di Kilian sono conosciuti con il nome informale di Tre Sorelle, e viaggiano talmente vicine alla loro stella da essere inabitabili. La Prima Sorella è la più grande; un Gioviano caldo che in combinazione con la stella del Sistema genera abbastanza forza centripeta da riuscire a tenere nella stessa orbita anche le altre due sorelle. La Seconda e la Terza Sorella sono protopianeti allocati, rispettivamente, nei punti di Lagrange L4 e L5. Dalla più piccola di esse, Kilian III, si possono estrarre limitate risorse metallurgiche. Per tutto il resto, questi planetoidi svolgono più che altro la funzione di campi di prova per le armi UEE: le loro superfici portano le cicatrici di centinaia di detonazioni esplosive.

KILIAN IV (Magma)
________________________________________
Kilian IV è il principale avamposto minerario del Sistema. Come suggerisce il suo nome – scelto da un esploratore privo di fantasia – Magma è ricoperto di metalli surriscaldati e presenta un’intensa attività vulcanica. Nessuna piattaforma d’atterraggio su Magma è considerata sicura, perciò sulla superficie è impossibile posizionare qualsiasi tipo di struttura.

KILIAN V (MacArthur)
________________________________________
Sede del quartier generale della Marina e luogo di nascita della portaerei classe-Bengal, MacArthur deve il suo nome ad un famoso generale dell’esercito vissuto il millennio precedente, in seguito a qualcosa che gli storici ed il personale navale trovano piuttosto divertente. È qui che decine di migliaia di aviatori navali si allenano ogni anno e tutte le esercitazioni principali della Marina vengono pianificate e coordinate. Attorno al pianeta orbitano innumerevoli anelli per gli ormeggi e bacini di carenaggio. Molte delle ammiraglie in dotazione all’Umanità, inclusa la Bengal, sono costruite nello spazio attorno a MacArthur. Di conseguenza, è su MacArthur che i mercanti possono fare l’affare di una vita. Dal punto di vista legale, i mercanti possono importare minerali processati, componenti di armi, generatori di scudi ed altre miriadi di elementi indispensabili per la costruzione delle enormi navi da guerra. Anche le persone affiliate al mercato nero possono arricchirsi su MacArthur, dal momento che la popolazione del pianeta composta dagli equipaggi delle navi più piccole ha diversi bisogni.

KILIAN VI (Osha)
________________________________________
Osha è una superterra terraformata, dimora di molte famiglie e del personale di supporto dei soldati del Sistema. È un mondo temperato quasi completamente costruito: la superficie è punteggiata di arcologie, che forniscono abitazioni per centinaia di migliaia di mariti, mogli e figli del personale militare assegnato nel Sistema o dislocato su qualche stella lontana. Si può trarre qualche profitto dalle spedizioni su Osha, la cui popolazione generalmente è alla ricerca di beni velleitari proveniente da altri luoghi dello spazio Umano.

KILIAN VII (Keene)
________________________________________
Leggermente più piccolo di Osha, Keene è un altro mondo civilizzato. Al contrario di Osha, Keene è il dominio di multinazionali ed imprese collegate all’esercito. Se un produttore dispone di un contratto militare, potete scommettere che possiede un ufficio da qualche parte su Keene. I produttori competono tra loro per acquistare appezzamenti su cui costruire fabbriche sul pianeta, in quanto averle all’interno del Sistema permette di distribuire la merce in maniera più efficiente. Questo significa che indipendentemente dalle risorse qualsiasi cosa, dalla carta igienica alle paratie per le navi, è prodotta qui. Roberts Space Industries ed Anvil Aerospace possiedono entrambe uno showroom su Keene, che può essere visitato dai civili.

KILIAN VIII
________________________________________
Kilian VIII è un pianeta oceanico con un segreto alla luce del sole: è talmente tossico da essere completamente inospitale. Ciò che da fuori l’orbita appare come un paradiso tropicale è di fatto una sfera di fluido super-denso costituito da acqua, ammonica ed altri liquidi volatili. Nessuna tecnologia per tute spaziali attuale è in grado di proteggere un Umano sulla superficie di VIII e anche la maggior parte degli scafi delle astronavi si dissolve al minimo contatto.

KILIAN IX (Corin)
________________________________________
Corin è un mortale mondo di ghiaccio, utilizzato come quartier generale dal comando della Marina UEE. Costellato di tundre ghiacciate e scoscese grotte rocciose, Corin tecnicamente si trova all’esterno della zona verde del Sistema. I Marine gestiscono un’enorme base sotterranea, ma esigono che i soldati sopravvivano ad un periodo d’addestramento di sei mesi nel campo sulla superficie del pianeta. Le unità dei Marine che non sono dispiegate sul campo vengono impegnate in simulazioni di guerra costanti. Corin è uno dei mondi meglio protetti della galassia, con le portaerei dei Marine che impediscono costantemente l’accesso non autorizzato. Il miglior consiglio è: non avvicinatevi.

Pianeti Esterni
________________________________________
I pianeti da Kilian X a Kilian XIV non sono abitabili. X ha un’atmosfera troppo sottile ed una superficie ricca di minerali. I diritti minerari per il pianeta sono attualmente bloccati a causa di una battaglia legale ancora in corso, perciò il permesso serve solo ai trasportatori occasionali… e la massiccia quantità di soldati presente nella regione fa tentennare anche il più audace dei minatori. Kilian XI è un gigante gassoso circondato da piattaforme di raccolta automatiche che accumulano risorse destinate alla raffinazione. Kilian XII, XIII e XIV sono dei mondi piccoli sostanzialmente morti. Kilian XIII ha un’incredibile superficie di quarzo fumosa che offre una visione come non se ne trovano altre nella galassia.

Avvisi di Viaggio

Avvisiamo tutti i piloti di evitare qualsiasi tentativo di approcciare Corin. I Marine UEE di stanza sul posto hanno l’ordine di sparare a vista contro tutte le navi che entrano nel loro spazio aereo.

Voci nel Vento

“Sono nato su Angeli, ma forgiato su Kilian.”
– Anonimo

“Tutto ciò che avete sentito è vero. Tutto ciò che avete visto è falso. Corin va contro ogni spiegazione.”
– Generale di Brigata Carl Wimmer (UEEM), Conferenza Stampa, 09.04.2861

 
 
 
 
 
 
 
Articolo originale disponibile presso Roberts Space Industries.