The Road so Far – La Strada Percorsa

Allontanarsi da Crusader può essere emozionante. A Novembre 2018, a quasi tre anni dall’Alpha 2.0 che aveva introdotto per la prima volta il Persistent Universe e Crusader e a quasi un anno da quella 3.0 che aveva inserito la tecnologia planetaria, finalmente possiamo allontanarci dal gigante gassoso per arrivare a Stanton I, ovvero Hurston e le sue quattro lune.

Il viaggio da Crusader a Hurston non dura poco. Più di 30 milioni di chilometri separano i due pianeti, cosa che si traduce in tempo di viaggio dai 5 ai 15 minuti circa, a seconda della nave.

Curiosità sul Quantum Travel

Al contrario di quello che si potrebbe pensare inizialmente, navi più grandi impiegano meno tempo ad arrivare, poiché nel Quantum Travel non è la massa della nave a contare ma solo il Quantum Drive.

Hurston tra Lore e Storia

Appena arrivati, Hurston ci è subito davanti agli occhi. Stando alla Lore, il pianeta è grande quasi quanto la Vecchia Terra, avendo 12.000 chilometri di diametro. In gioco, la dimensione del pianeta è stata ridotta seguendo una scala 1:6, che ha portato il diametro del pianeta ad essere di 2000 chilometri, per una superficie di circa 12 milioni di chilometri quadrati.

low - Hurston_Day_low.jpg

Come molti già sapranno, Hurston e le sue lune sono proprietà della Hurston Dynamics, azienda specializzata nella produzione di armi. Le quattro lune sono state chiamate proprio in onore di quattro storici esponenti della famiglia Hurston, proprietaria dell’azienda.

Le Lune di Hurston

Arial, Aberdeen, Magda e Ita. Questi sono i nomi delle quattro lune di Hurston, ognuna visivamente interessante e dall’atmosfera non respirabile.

Arial ha delle tonalità arancioni, e il bagliore dell’ambiente insieme alla visione distorta dal calore potrebbe rendere abbastanza ostica la guida sulla superficie. HDMS-Bezdec e HDMS-Lathan sono gli avamposti minerari. Sopra HDMS-Lathan è presente un agglomerato di asteroidi e dei detriti di varia natura.

low - Ariel_low.jpg

Aberdeen ha un’atmosfera sulfurea, cosa che le ha dato questa tinta giallastra. Come le altre lune di Hurston, presenta due avamposti minerari, HDMS-Nordgaard e HDMS-Anderson.

low - Aberdeen_low.jpg

Magda ha una forte colorazione bianco-bluastra, e ciò la rende davvero molto bella dallo spazio. HDMS-Perlman e HDMS-Hanh sono gli avamposti minerari.

low - Magda_low.jpg

Ita è una luna esteticamente molto interessante, ma non presenta effetti particolari come Arial. HDMS-Woodruff e HDMS-Ryder sono gli avamposti minerari.

low - Ita_low.jpg

Il Pianeta Hurston

Non molto è rimasto dell’ecosistema di Hurston, distrutto dallo sfruttamento della Hurston Dynamics e dal relativo inquinamento. Il pianeta presenta masse d’acqua, attualmente implementate solo esteticamente, e l’atmosfera arriva fino a 100 chilometri dalla superficie. L’aria di Hurston è respirabile, ma profondamente inquinata.

Attualmente il pianeta è composto (3.4.2) da sei “biomi” differenti: deserto roccioso, zona mineraria, discarica, savana, zona acida e costa inquinata.

Sul pianeta ci sono sei avamposti minerari: HDMS-Edmond (Costa Inquinata), HDMS-Hadley (Zona Mineraria), HDMS-Oparei (Savana), HDMS-Pinewood (Zona Mineraria), HDMS-Stanhope (Deserto Roccioso), HDMS-Thedus (Zona Acida). Inoltre sulla superficie del pianeta esistono molteplici bunker sotterranei (introdotti dalla sigla HDSF), luogo di missioni FPS.  

Outpost di Hurston

 

low - Hurston_Night_low.jpg

 

HDMS-Edmond

HDMS-Hadley

HDMS-Oparei

HDMS-Pinewood

HDMS-Stanhope

HDMS-Thedus

Lorville

low - Teasa_Spaceport_Inside_low.jpg

Teasa Spaceport

L’unica città attualmente presente su Hurston è Lorville, dall’area di circa 24 chilometri quadrati. Sopra di essa si staglia imponente il CBD, la sede della Hurston Dynamics, alto circa 2 chilometri e con una superficie di circa 4 chilometri quadrati.

low - Teasa_Spaceport_low.jpg

Arrivando dallo spazio, Teasa Spaceport sarà il punto di accesso più ovvio alla città. Dello spazioporto attualmente è visitabile solo il Terminal 5, contenente anche New Deal, un concessionario di navi. Qui sono presenti anche altri negozi e servizi, come “Lost & Found” o “Vantage Rentals”, ma sono attualmente (Alpha 3.4.2) puramente estetici e non realmente implementati.

low - Spaceship_Store_low.jpg

Allontaniamoci dallo spazioporto e prendiamo la metro per il Distretto dei Lavoratori.

low - Train_Lorville_low.jpg

Workers District

In treno sarà abbastanza chiaro notare che Lorville non è esattamente una città pulitissima, anzi. In città incontrerete spesso molti NPC con delle “buste di plastica” in testa. Sono caschi “a basso costo”, pensati per non inalare l’aria inquinatissima della città.

low - In_Train_low.jpg

Arrivati al Metro Center potremo decidere se prendere un altro treno per uno dei 6 gate che portano fuori dalla città, oppure esplorare il distretto. Qui è possibile trovare il Residences L19, sostanzialmente il quartiere residenziale che funge da quartiere di spawn in città, e il Leavsden Square, una piazza ricca di luoghi interessanti da visitare, come MacIntyre & Victor’s Bar, il negozio di armature e abiti civili Tammany and Sons, l’ospedale Marie Pure of Heart e le zone amministrative e di sicurezza. Come non menzionare poi Reclamation & Disposal, dove possiamo trovare Clovus Darneely, mission giver introdotto proprio con Lorville e visto al CitizenCon 2948.

low - Tammany_Sons_low.jpg

low - Leavsden_Square_low.jpg

Ma dirigiamoci alla seconda stazione della metro, Leavsden Station, per poi dirigerci al “colosso” di Lorville, il CBD. La sede della Hurston Dynamics è infatti raggiungibile via treno.

Central Business District

low - B_Dis4_low.jpg

In realtà non si può esplorare molto dell’enorme e opulento edificio. Arrivati sul posto ci ritroveremo presto di fronte all’entrata costruita in onore di Archibald Hurston, con la sua enorme statua dorata. Ai due lati della Hall si può visitare sia l’HD Showcase, dove si possono comprare le armi della HD (rigorosamente per le navi, nulla di FPS) e Transfers, dove ci sono gli schermi commerciali e l’ufficio di Constantine Hurston, mission giver e rampollo della famiglia Hurston.

low - B_Dis5_low.jpg

low - Hurston_Family_low.jpg