Riproponiamo la serie di Time Capsule delle Roberts Space Industries: delle notizie di trama in pillole che uscirono all’indomani del lancio della campagna crowdfunding di Star Citizen! Si parte con la notizia della creazione dei primi motori quantici!

La mattina del 3 maggio 2075 era iniziata come tante altre. Rebecca Childress stava colorando un foglio sul tavolo in sala da pranzo, mentre la madre guardava il telegiornale del mattino. Erano questi i momenti, come Rebecca narrerà anche molti anni dopo, che adorava di più. Quel giorno in particolare, però, resterà per sempre impresso nella sua memoria e in quella di ogni essere umano sul pianeta.

Estratto dal diario di Rebecca Childress:
“La mamma ha cucinato le uova anche oggi.
Stavo usando i colori quando ho visto il papà nell’holo.
Ho gridato alla mamma di venire. Danny ha iniziato a correre intorno al tavolo urlando.
Ugh, che casinista.
Papà era proprio lì, vicino al Presidente! Stavano parlando dello spazio e altre cose, che era forte,
e lui a me sembrava proprio parecchio importante mentre stava lì. Non lo vedevamo da tanto.
Aveva la barba. Alla mamma non piaceva ma a me faceva ridere.
Quando papà doveva partire per andare via, gli chiedevo perché doveva sempre lavorare,
e lui mi diceva sempre la stessa cosa:

Stava provando a darmi le stelle.”

Il Dott. Scott Childress e il suo team l’avevano completato, il primo motore quantico auto-sufficiente, in grado di raggiungere 1/100 della velocità della luce. Per la prima volta, l’umanità poteva esplorare il sistema solare a velocità senza precedenti.

Traduzione a cura di Alex Miura.
Articolo originale disponiblie presso Roberts Space Industries.